Mental Training per Raggiungere Obiettivi

Mental Training per Raggiungere Obiettivi

Mental Training per raggiungere gli obiettivi: come fare?

 

Cosa accade nella nostra mente quando manca poco per raggiungere un obiettivo e decidiamo di mollare tutto?

Quando pensiamo di non essere all’altezza di un colloquio di lavoro, oppure quando la nostra prestazione sportiva subisce l’influenza negativa della nostra mente?

(altro…)

Corsi ipnosi e benessere

Corsi ipnosi e benessere

corsi ipnosi

Che cos’è l’ipnosi?

Quando si parla di ipnosi, si tende ad avere un pò di diffidenza e timore per una pratica tanto affascinante quanto sconosciuta.

Ma che cos’è l’ipnosi e che utilità può avere sull’individuo?

Innanzi tutto bisogna precisare che uno stato di ipnosi si raggiunge solo quando la persona coinvolta è disponibile e predisposta a farsi ipnotizzare.
Non è possibile che per strada una persona qualunque riesca in un attimo a ipnotizzarci se non siamo noi i primi a volerlo.

L’induzione in uno stato di ipnosi viene applicata con tecniche diverse, eseguite per portare la nostra veglia in uno stato trance (dal latino trans.ire, cioè andare al di là); una condizione che permette di accedere a delle zone e facoltà del nostro cervello che solitamente non riusciamo a controllare o ‘pilotare’.

Ecco che l‘ipnosi diventa la chiave di accesso per riuscire a entrare nella ‘sala comando’ dei  nostri pensieri e delle nostre abitudini.

Perchè farsi ipnotizzare?

L’ipnosi è utilizzata sempre più spesso per:

  • correggere comportamenti nocivi
  • superare traumi passati
  • motivare e stimolare prestazioni future

Smuovere dei blocchi che ci limitano, oppure predisporre la nostra mente ad un raggiungimento di un obiettivo (per esempio una prestazione sportiva) è possibile grazie ad un lavoro collaborativo.

Ecco che l’ipnosi diventa uno strumento validissimo per andare a superare schemi mentali che ci limitano.

Noi di Liberamente possiamo aiutarti a superare i tuoi blocchi emotivi, i tuoi schemi mentali, a gestire le prestazioni e lo stress, grazie ai corsi ipnosi.

Contattaci per qualsiasi informazione!

Isolamento e solitudine, quali differenze?

Isolamento e solitudine, quali differenze?

Molto spesso i due termini isolamento e solitudine vengono associati, se non addirittura confusi.
Facciamo quindi un po’ di chiarezza.

Che cos’è l’Isolamento?
La cosa fondamentale da considerare che chi si isola non è per forza costretto e il più delle volte non si sente solo.
Infatti, questa situazione, può essere dettata da un’esigenza cercata direttamente dalla persona stessa.

Un esempio è dato da chi utilizza internet o il virtuale in generale.
Le persone tendono così a sentirsi partecipe di un mondo non reale per trasformarsi così nel vero mondo di riferimento.

Anche le situazioni di alcool e droga portano ad un isolamento “sereno”. L’isolamento porta a innalzare una barriera tra il soggetto e gli altri.

Isolamento quindi come situazione ‘creata’ dal soggetto.

Che cos’è la solitudine?
Per assurdo ci si può sentire soli anche se si è circondati costantemente da numerose persone.

La solitudine è una condizione psicologica che porta a vivere situazioni di disagio molto forte:

  • sofferenza
  • incapacità di confronto
  • paura del giudizio
  • depressione

Superarla non è impossibile; è necessario entrare in relazione con se stessi per capire cosa ci porta a sfuggire dal rapporto con gli altri.

Due aspetti della nostra società ben radicati, nei quali ognuno di noi ha avuto occasione di provare una o l’altra condizione di isolamento e solitudine, indistintamente dalla classe sociale o dall’età.

Dal bambino all’anziano, isolamento e solitudine si nutrono indistintamente del nostro disagio quotidiano.

E’ bene non sottovalutare questi due aspetti che sono un segnale chiaro di un disagio che va affrontato con i giusti mezzi a disposizione.

 

Se vuoi approfondire l’argomento di isolamento e solitudine o altri, registrati e sarai contattato al più presto.

Mindfulness, allenare la mente

Mindfulness, allenare la mente

Se fossimo in grado di gestire la direzione dei nostri pensieri e fossimo in grado di ‘pilotare’ le emozioni in modo costruttivo, il nostro vivere quotidiano migliorerebbe notevolmente, sia a livello personale che professionale, vero?

Ebbene, esiste la possibilità di  allenare la mente e prepararla alla gestione delle emozioni e dei comportamenti, al fine di ottenere NOI il controllo di noi stessi, e non le nostre cattive abitudini invalidanti.

Pensate a come migliorerebbero le nostre relazioni, sia professionali che affettive, oppure come riusciremmo ad gestire meglio i nostri comportamenti, soprattutto quelli limitanti, che non ci permettono di evolvere verso un obiettivo che vorremmo realizzare.

E’ solo questione di allenare la mente!

Ansia, pensieri negativi, paura, insicurezza: sono i nostri nemici che ci impediscono di essere felici e ci bloccano in ogni situazione della vita.

Mindfulness è riuscire a gestire la propria consapevolezza (dei pensieri, delle emozioni e quindi dell’azione) portando la nostra mente a divenire nostra alleata e non una scheggia impazzita, senza controllo.

Essere in grado di riconoscere un pensiero limitante, sul nascere, e modificarlo, limitarlo, contenerlo a nostro favore, rivoluzionerà immediatamente il corso dei nostri comportamenti, modificando così a nostra scelta, la direzione delle nostre azioni e del nostro quotidiano, migliorando così la nostra vita.

Vuoi capire come allenare la mente per trarne vantaggio?

Contattaci

Mental Training, 5 modi per aiutarti a vincere nello sport  

Mental Training, 5 modi per aiutarti a vincere nello sport  

Mental Training, 5 modi per aiutarti a vincere nello sport

Ti sei mai chiesto come può fare un maratoneta a mantenere la concentrazione ed evitare le distrazioni prima di una prestazione sportiva?
E Valentino Rossi prima di una gara?
Come si può creare la perfetta coesione di una squadra di basket prima della partita più fondamentale del campionato?

Fare squadra non è solo provare e riprovare gli schemi in allenamento ma trovare nel gruppo le motivazioni per renderlo vincente.
I grandi professionisti, gli amatori e i giovani che praticano sport hanno in comune l’obbiettivo di migliorare le loro prestazioni. Il Mental training o allenamento mentale è una opportunità se non una necessità per gli atleti a tutti i livelli, per capire e controllare gli spetti psicologici che possono influenzare, negativamente o positivamente, la propria prestazione sportiva.

Ma quali sono le tecniche da utilizzare per vincere nello sport?

  • rilassamento: da utilizzare per ottenere uno stato di tranquillità necessaria per avere la perfetta consapevolezza della condizione fisica e gestire possibili sintomi di stress e per creare i presupposti di una perfetta concentrazione
  • definizione degli obiettivi: capire e determinare gli obiettivi è una chiave di successo per ottenere un  miglioramento dell’impegno e della prestazione. E’ Importante definire obiettivi raggiungibili perché porre un obiettivo troppo elevato troppo semplice crea un atteggiamento negativo. Gli obiettivi dovranno essere graduali e monitorati nel tempo.
  • visualizzazione: vivere mentalmente una situazione permette di gestire l’ansia, migliorare la concentrazione, contenere le emozioni, migliorare la fiducia e l’autostima, aumentare la padronanza del proprio corpo, controllare situazioni di sofferenza e dolore
  • dialogo interno: creare un meccanismo mentale nel quale ci si confronta con se stessi permette di rispondere prontamente ai pensieri e alle domande che inevitabilmente giungono alla mente di un atleta. “Tieni duro! Manca poco! Peccato la prossima volta andrà meglio” sono frasi che un atleta dovrebbe “dirsi” per aiutarlo e facilitarlo
  • biofeedback: necessaria per capire eventuali sintomi del nostro corpo ed intervenire prontamente porta ad un miglioramento della frequenza cardiaca e della tensione muscolare per superare le difficoltà

Vuoi migliorare le tue prestazioni sportive con il mental training?

Segui il nostro corso SUL PODIO
Percorso per atleti che mira a trovare un atteggiamento mentale vincente e migliorare la prestazione attraverso tecniche di visualizzazione guidata e mental training
6 incontri individuali di un’ora

 

puoi leggere anche l’articolo della Gazzetta dello sport che parla di mental training